Press "Enter" to skip to content

Uscita volume “Il bambino di Platone. Psicologia e filosofia a confronto sull’origine e lo sviluppo della cognizione morale”

Se scrivere un libro è cosa che richiede impegno, a chi più a chi meno, farlo leggere è cosa ben più complessa.

Ma iniziamo da dove tutto è partito, col segnalare qui, ai cari lettori di Scuola Filosofica, l’uscita de “Il bambino di Platone”, la cui natura divulgativa si intuisce già dal titolo. Il libro è il quarto della collana di libri di Scuola Filosofica, edita da Le Due Torri, e tratta di come oggi il metodo scientifico utilizzato nello studio della cognizione morale del bambino piccolo possa aiutare ad affrontare domande su cui la filosofia da tempo si interroga. Fra tutte: siamo predisposti a sviluppare sin da piccolini un senso morale, attraverso una minima esposizione sociale e indipendentemente da educazione e cultura, oppure apprendiamo a distinguere il bene dal male solamente grazie all’insegnamento altrui?

Vi hanno contribuito, con interventi di spessore, professori con molti anni di studio sulle spalle (Dario Bacchini, Simona Caravita e Luca Surian) e giovani ricercatori con una solida competenza nel loro campo di specializzazione (Sonia Cosio, Grazia De Angelis e Carla Sabatti). Il libro è stato da me curato e fortemente voluto: che io sappia, non esiste nel panorama editoriale italiano un’introduzione agile ma rigorosa sul tema di come nell’uomo si sviluppano i concetti morali.

Mosso da spinte biologiche e vincolato da norme sociali stabilite culturalmente, l’essere umano rappresenta un oggetto di studio affascinante e complesso. Oggi, lo sforzo collaborativo di molti ricercatori impegnati nello studio della psicologia umana permette di affrontare con rigore scientifico un ambito di conoscenza, temi e questioni di profonda rilevanza filosofica, favorendo così un proficuo dialogo tra discipline. Siamo naturalmente predisposti a comprendere le nozioni di autorità, giustizia, equità, bene e male, nozioni su cui ruota l’organizzazione delle nostre società? Come possiamo spiegare il comportamento aggressivo e immorale? Quali sono le basi psicologiche della religione? Il libro offre un’introduzione che intende essere di facile fruizione e stimolare nel lettore la curiosità per i temi trattati e la volontà di approfondirli.

Ma perché, riprendendo il titolo, il bambino è di Platone? Il lettore è invitato a scoprirlo!

 

Autori:

Francesco Margoni (a cura di)

Prefazione di Luca Surian

Con i contributi di Dario Bacchini, Simona Caravita, Sonia Cosio, Grazia De Angelis, Carla Sabatti e Luca Surian

 

Brevi biografie degli autori (in ordine alfabetico):

Dario Bacchini, nato a Napoli, è Professore Ordinario di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione presso il Dipartimento di Studi Umanistici della Università di Napoli “Federico II”. I suoi interessi di ricerca riguardano lo sviluppo morale, il comportamento antisociale in adolescenza, il bullismo a scuola e il parenting in una prospettiva cross-culturale. Autore di numerosi contributi scientifici, ha pubblicato il volume “Lo sviluppo morale” Carocci Editore.

Simona Caravita è Professore Associato in Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione, presso la Facoltà di Psicologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e componente del Centro di Ricerca sulle Dinamiche Evolutive ed Educative dello stesso ateneo. La sua attività di ricerca riguarda principalmente i temi delle relazioni tra pari in infanzia e adolescenza, con particolare attenzione alle condotte aggressive e al fenomeno del bullismo, del funzionamento morale in età evolutiva e dell’intercultura.

Sonia Cosio è dottore di ricerca in Filosofia e Scienze della mente, Università San Raffaele di Milano. Ha condotto studi soprattutto nel campo della filosofia morale e della storia della medicina, ma ha lavorato anche come traduttrice.

Grazia De Angelis è dottore di ricerca in Scienze della Mente e professore a contratto di Intervento Psicologico nei Contesti Educativi presso l’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”. I suoi principali interessi di ricerca riguardano lo sviluppo morale, il comportamento antisociale e prosociale e l’esposizione alla violenza.

Francesco Margoni è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive dell’Università di Trento. È laureato in psicologia e in filosofia, e ha conseguito un dottorato di ricerca in psicologia dello sviluppo. Si interessa principalmente di indagare quali sono le concezioni di autorità e giustizia possedute dai bambini nella prima infanzia, quali meccanismi cognitivi spiegano l’acquisizione e lo sviluppo nell’individuo dei concetti morali e come il giudizio morale cambia con l’invecchiamento.

Carla Sabatti è laureata in Psicologia dello sviluppo e dei processi di tutela presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Attualmente svolge il tiroconio post-lauream nell’area dei disturbi del comportamento alimentare. I suoi interessi di ricerca riguardano il bullismo, le relazioni interculturali, l’identità sociale e il funzionamento morale in età evolutiva.

Luca Surian è professore di Psicologia dello Sviluppo al Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive dell’Università di Trento. Ha svolto attività di ricerca presso la Fondazione Stella Maris di Pisa, le Università di Padova, Trieste e North Carolina (Greensboro, USA), e il Cognitive Development Unit, Medical Research Council (Londra). È autore di alcuni saggi e di numerosi articoli scientifici sullo sviluppo dei processi cognitivi e comunicativi.

 

Indice:

– Presentazione del volume da parte del responsabile di collana (di Giangiuseppe Pili)

– Prefazione (di Luca Surian)

– Introduzione (di Francesco Margoni)

– Capitolo I – Obbedienza all’autorità e valori morali (di Francesco Margoni)

– Capitolo II – Le origini e lo sviluppo dei giudizi sulla giustizia distributiva (Luca Surian)

– Capitolo III – Lo sviluppo dei concetti morali (di Francesco Margoni)

– Capitolo IV – La comprensione della distinzione tra norme morali e non morali (di Grazia De Angelis)

– Capitolo V – Dal giudizio morale al comportamento immorale: il caso della condotta aggressiva (di Carla Sabatti e Simona Caravita)

– Capitolo VI – Moralità e religione: il contributo della psicologia (di Dario Bacchini)

– Capitolo VII – Pedagogia e morale in Kant. Come si impara a sentire il rispetto (di Sonia Cosio)

 

Be First to Comment

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *