Press "Enter" to skip to content

Categoria: Gialli Classici

Piombo e Sangue. Hammett D.

RedHarvestPiombo e Sangue è un libro edito nel 1929 da uno dei massimi scrittori del genere, Dashiell Hammett. Si tratta di un classico del genere, sia per la sua data di uscita sia per la qualità del romanzo. La trama, in realtà, è quasi inessenziale e già abbastanza contorta da ricordare i romanzi di Raymond Chandler, ammiratore di Hammett, suo continuatore e innovatore del genere noir.

La storia è incentrata su un investigatore privato privo di nome che viene inviato, non si sa bene perché, nella desolata cittadina di Personville (città per persone ordinarie?), anche nota come Poisonville (città avvelenata). In questa viene chiamato da un giornalista, tale Donald Willsson, giusto il tempo prima che questi venga fatto fuori. L’investigatore viene assoldato poi dal padre di Donald, Elihu, il quale è il barone e sovrano della cittadina. Costui assolda l’investigatore perché riporti l’ordine nella cittadina, presa ormai sotto il controllo di mafiosi, faccendieri, biscazzieri e ordinari truffatori. Il vecchio rivuole la sua vecchia città sotto le sue vecchie mani di iracondo e sclerotico anziano. L’investigatore farà la conoscenza di tutto lo spettro del marciume di una cittadina di provincia americana ai confini tra la normalità e la malavita perpetua. Perché infondo questo è il punto: che normalità e illegalità, violenza e desiderio vanno sempre inseparabilmente uniti. La strategia dell’investigatore consiste nel conoscere gli interessi dei vari attori di Poisonville per poterli mettere gli uni contro gli altri, compreso il grasso capo della polizia, Noonan. Farà anche la conoscenza di una giovane donna a cui tutti gli uomini cascano ai piedi, Dinah Brand. Costei è la femme fatale del romanzo, piena di risorse, forte e al contempo tragica, manipolatrice di destini e contemporaneamente incapace di salvare il proprio. Alla fine l’investigatore metterà davvero tutti contro tutti, determinando la caduta delle tessere del domino. Di tutte? E lui riuscirà a salvarsi dalla malattia che invade tutti coloro che entrano in Poisonville? Ovvero la smania per l’omicidio e il delitto?

Il paradiso non è più qui. Pugliese A..

Non un Georges Simenon, non un Ellery Queen, non un Stanley Gardner, né un S.S. Van Dine. Più semplicemente, senza dover richiamare i grandi “giallisti”, un Andrea Pugliese, scrittore genovese, già pubblicato dalla FBE edizione in Persone smarrite (2005), Mangia! (2006), Neo-Conf ritratto del nuovo conformista (2006) e 100 pizzini di Bernardo P. prima di andare a letto (2007).

Andrea Pugliese sulla scia di diversi scrittori italiani come Sandrone Dazieri, Andrea Camilleri o Massimo Carlotto, scrive un romanzo in stile noir cercando di colpire l’attenzione dei lettori, con una lettura rapida, scorrevole e oserei dire scontata. Le ultime pubblicazioni, non solo della editoria italiana, ma anche di quella estera, ci hanno insegnato che il lettore (e di conseguenza lo scrittore per il perseguire dei propri interessi), preferisce leggere/scrivere un romanzo in cui ci siano le indicazioni base, con una trama non troppo complicata, protagonisti senza una grande identità e possibilmente privi di morale, il tutto condito da tre elementi imprescindibili: il sesso, la droga e la violenza… a quando l’alcol e la pedofilia?

Acqua in bocca. Camilleri A. – Lucarelli C.

A cura di Wolfgang F. Pili                                          www.scuolafilosofica.com

L’ispettrice bolognese Grazia Negro, residente a Bologna, ha un caso assai difficile da risolvere, un brutto grattacapo! Grande ammiratrice di un altro ispettore-detective, il commissario Salvo Montalbano, celebre protagonista di mirabolanti indagini.

Tutte le sue difficoltà del caso verranno risolte da una fitta corrispondenza col collega che la aiuterà, fra scambi di cannoli e tortellini, a ritrovare anche la vera vocazione per il suo lavoro.

Vietato essere uomini. Ellery Queen.

A cura di Giangiuseppe Pili                            www.scuolafilosofica.com

Un produttore cinematografico, Ben Sloane, è alla ricerca di un regista, un tale Sol Dashlmon. Costui aveva girato un film porno, un vero capolavoro e non solo del genere. Sloane lo vuole ingaggiare ma il regista è sparito nel nulla da più di vent’anni, proprio dopo aver finito di girare il film, unico nel suo genere. Sloane viene ucciso in una cittadina della California, Rockview. Mccall è il cavaliere errante del giovane rampante governatore, Sam Holland. A causa dei movimenti della liberazione della donna, capitanati dall’invasata Cynthia Rodes, Holland teme di essere messo in mezzo in questa delicata questione: le femministe rivendicano il loro diritto di parità sessuale non solo nei fatti ma anche nell’immagine e la pornografia è stata, sin da allora, una delle loro battaglie. Mccall indaga a Rockview e si ritrova in mezzo allo sciopero degli operai dell’industria di pellicole Mann, nella quale si dice che sia stato girato il film porno di Dashlom e tanti altri che hanno girato nel circuito clandestino. Tra loschi figuri ci sarà anche spazio per una bella conoscenza: una misteriosa detective dall’indiscutibile fascino, April.

Il caso delle zampe di velluto. Gardner E. S.

A cura di Giangiuseppe Pili                                       www.scuolafilosofica.com .

Eva Belter va a trovare Perry Mason per una questione molto delicata. Eva si trovava in compagnia di un noto uomo politico, Harrison Burke. Erano in un locale quando accadde un omicidio. Il giornale scandalistico Citizen, gestito da Frank Locke, vuole pubblicare l’informazione screditando ad un tempo Burke e la Belter: Eva è una donna sposata. La Belter non è una donna sincera: racconta una marea di balle a Perry il quale deve lottare prima di tutto con la sua cliente. Paul Drake, fido alleato e investigatore privato al servizio di Perry, scopre che Eva sta con George Belter il quale è un uomo tutto d’un pezzo, come non se ne vedono più. Il signor Belter, che vive in una grande casa con tanto di tre servi di cui una bellissima donna, è il vero proprietario del Citizen e non compare come titolare solo per poter meglio manovrare i ricatti dietro le quinte. George Belter viene ucciso, la moglie giura di aver sentito Perry Mason parlare a suo marito durante la notte dell’omicidio. Come se la caverà il più celebre avvocato del mondo?

La valle della paura. Conan Doyle A.

A cura di Giangiuseppe Pili                                        www.scuolafilosofica.com

Sherlock Holmes ha una talpa all’interno dell’oscura macchina criminale guidata dal “Napoleone del crimine”, il dottor Moriarty. Costui non è solo un abile assassino, sempre capace di farla franca, ma è pure un uomo di scienza, un personaggio della Londra bene e un grande amante dell’arte. Holmes viene avvisato dalla sua talpa del pericolo che corre un certo Douglas. Ma il grande investigatore londinese non fa in tempo a mettersi sulle sue tracce che arriva il detective McDonald, il quale chiede numi a Sherlock per via dell’assassinio brutale proprio di Douglas!

La stanza N. 13. Wallace E.

Giangiuseppe Pili                                                       www.scuolafilosofica.com

Johnny Gray è finito al fresco per alcuni mesi. Egli, come tutti i carcerati, si professa innocente, ma quanti ragazzi al fresco lo sono veramente? Peter Kane fu ladro, ora felice di stare in pensione, la cui unica preoccupazione è l’amata figlia Marney che, tra poco, si sposerà con l’ufficiale canadese, il capitano Floyd. Johnny Gray vuole trovare chi l’ha incastrato e ama, ancora, la bella Marney. Peter Kane verrà messo in mezzo, insieme a Johnny, in una storia di soldi falsi. Emmanuel Legge vuole vendicarsi di Peter Kane perché, a suo dire, è lui che l’ha incastrato, condannandolo a quattordici anni di reclusione. Jeff Legge, il figlio di Emmanuel, si scoprirà essere il maggiore Floyd. Jeff Legge verrà sparato alle spalle nella stanza numero tredici, ma si salva. Ma chi ha sparato? E c’è un grande falsario, in mezzo ai protagonisti, chi sarà?

Il libro di Wallace ricorda un libro noir, senza esserlo ma anche un giallo classico, senza esserlo.

Il defunto signor Gallet. Simenon G.

GallettQuesto è un delitto che non piace a Maigret, un morto anonimo, quel signor Gallet. Una brutta faccia affilata con pochi peli rossicci a sprazzi. La moglie era la figlia di nobili in decadenza ma non per questo meno vogliosa di luci della ribalta borghese. Il figlio Henri era un ragioniere nell’anima, con quella sua amante, più materialista del marmo. Eppure, chi avrebbe mai voluto la morte di un uomo così apparentemente insignificante, creduto da tutti l’immagine stessa del fallimento sociale?

Le memorie di Sherlock Holmes (voll.2). Doyle C. D..

A cura di Giangiuseppe Pili.                                      www.scuolafilosofica.com

Chissà come va a finire l’ennesima avventura di Sherlock Holmes. Sicuramente avrà già in mente come incastrare il temibile dottor Moriarty. Eppure, forse, questa volta la cosa non andrà nello stesso modo. Forse siamo di fronte ad un nemico al di sopra delle forze razionali di Holmes: non il classico folle sciocco pluriomicida, semplicemente una mente col genio del crimine. Moriarty potrà mettere in scacco il più celebre dei detective?

Due inchieste di Dupin. Poe E. A..

A cura di Giangiuseppe Pili                                               www.scuolafilosofica.com

 

Poe è solitamente associato alla narrativa misteriosa figlia di tante suggestioni romantiche. Ma pochi sospetterebbero che un uomo dalla vita sregolata e dalle abitudini letterarie più volte al macabro e al misterioso che al ragionamento, sia il fondatore del filone “razionalista” del racconto con enigma.