Press "Enter" to skip to content

Scuolafilosofica Posts

Tutti pazzi per Gödel. Berto F.

A cura di Giangiuseppe Pili                                        www.scuolafilosofica.com

INTRODUZIONE.

Provare a vedere il teorema di Gödel come una grande “sinfonia” è una delle diverse sfide del libro di Francesco Berto. Le perplessità per la metafora musicale cadono una volta che ci si addentra nella lettura: l’insieme di nozioni richieste per comprendere la dimostrazione dei teoremi di Gödel è quanto mai varia e spazia da una minima conoscenza della storia della filosofia della matematica, alla conoscenza della logica elementare fino alla teoria degli insiemi. La diversità delle competenze che il libro intende fornire, è paragonabile ai vari temi armonici e agli strumenti musicali richiesti per suonare una sinfonia:  «[…] impareremo molte cose molto in fretta. Alcune di esse potrebbero sembrare slegate l’una dall’altra, e anche la loro utilità potrebbe non essere inizialmente chiara. In realtà, tutte sono connesse in vario modo all’interno della sinfonia di Gödel». (p.5)

La finestra sul vuoto. Chandler R..

A cura di Giangiuseppe Pili.                                       www.scuolafilosofica.com.

Philip Marlowe si ritrova impelagato in due omicidi, un tale di nome Philips è trovato morto nel suo appartamento, un locale di infimo ordine in un quartiere di infimo ordine con vicini di infimo ordine. Ma anche lo specialista di numismatica, un certo Morningstar viene ritrovato ormai cadavere nel suo studio. Marlowe era stato incaricato dalla signora Murdock, una donna sgradevole che beveva porto come l’acqua perché sostituiva le medicine, per ritrovare una moneta cara al suo vecchio marito il quale aveva disposto che nessun conio della sua collezione potesse essere venduto.

Due inchieste di Dupin. Poe E. A..

A cura di Giangiuseppe Pili                                               www.scuolafilosofica.com

 

Poe è solitamente associato alla narrativa misteriosa figlia di tante suggestioni romantiche. Ma pochi sospetterebbero che un uomo dalla vita sregolata e dalle abitudini letterarie più volte al macabro e al misterioso che al ragionamento, sia il fondatore del filone “razionalista” del racconto con enigma.

Distruggete le macchine. Vonnegut K.

A cura di Giangiuseppe Pili                           www.scuolafilosofica.com

Paul Proteus è il capo ingegnere nella città di Ilium, uno degli uomini più importanti dell’industria americana. Paul è sposato con la bella Anita, una donna programmata per essere la migliore moglie di un uomo ben avviato nella società. Ed Finnerty è un amico scomodo di Proteus il quale vive sempre sull’orlo dell’abisso e dell’autodistruzione. La loro relazione si gioca su una reciproca simpatia, generata, soprattutto, dal rifiuto della società americana, così come si è costituita dopo l’ultima più tremenda guerra. L’America è lo stato delle macchine. Le quattro grandi forze storiche hanno visto prevalere l’aspetto economico su tutto il resto e l’economia è efficienza e produzione di qualità.

Dalla foce alla sorgente. Australi A..

a cura di Giangiuseppe Pili                                       www.scuolafilosofica.com

Spartaco, un bambino delle scuole elementari, fa amicizia con Francesco, il fratellino di Sandra, una ragazza che aiuta la madre di Spartaco nel ricamo. Inizialmente, Spartaco vorrebbe giocare con il suo gruppo di amichetti, libero di andare con loro in campagna nella quale la fantasia si concretizzava in mille modi: trovando armi lasciate in omaggio dalla seconda guerra mondiale, vedendo paesaggi bellissimi e esplorando piccole grotte. Ma, dopo aver vinto la propria rabbia e aperto un varco nell’animo timido di Francesco, Spartaco vive un’intensa storia di amicizia. I due ragazzi vivono i drammi della vita con gli occhi dell’infanzia: la morte del loro gatto, Respiro; la tragica fine della madre di Francesco; l’ipocrisia e la repressione del mondo degli adulti.

Addio mia amata. Chandler R..

A cura di Giangiuseppe Pili                www.scuolafilosofica.com

Per puro caso Philip Marlowe incrocia il gigante Moose Malloy, un uomo vestito vistosamente, fin troppo, che sale in un vecchio locale per “bianchi”, ora per “neri”, il Florian. Anche Marlowe viene costretto a salire in quel localaccio decaduto e, dopo qualche minuto di conversazione al tavolo, finisce per venire a sapere alcune informazioni interessanti: Moose Malloy è appena uscito di prigione per rapina a mano armata; egli è alla ricerca della sua vecchia fiamma, Velma, una rossa infuocata che lavorava al Florian, prima ancora che Malloy venisse incarcerato.

Abissi d’acciaio. Asimov I.

A cura di Giangiuseppe Pili                                        www.scuolafilosofica.com

Nella città degli spaziali, Spacetown, viene ucciso un robotista importante, il dottor Sarton. E’ un periodo difficile per gli abitanti della Terra, i terrestri vecchio sangue lontani per vedute politiche e sentimenti dagli spaziali, abitanti degli altri pianeti colonizzati dai terrestri moltissimi anni prima. Gli spaziali si sono evoluti verso una razionalizzazione estrema delle emozioni: esseri molto longevi, privi di difese immunitarie naturali e, ormai, quasi del tutto a-emotivi.