Press "Enter" to skip to content

Scuolafilosofica Posts

Featured

L’Ultimo Scacco – Concorso Letterario


Scarica il Bando ufficialeUltimo_Scacco_2021 – Bando_Concorso e il Modulo di iscrizione!


L’Associazione Culturale “Le Pergamene di Melquiades”,

in collaborazione con la casa editrice “Le Due Torri

e con “Scuola Filosofica”,

bandisce

L’ULTIMO SCACCO

premio letterario per racconti brevi sugli scacchi

L’evento è gentilmente patrocinato dalla Federazione Scacchistica Italiana.

Featured

Cosa è ScuolaFilosofica?

ScuolaFilosofica (SF)

è un progetto che ha come Ideali:

  • Diffondere la Cultura e la Ragione in ogni forma.
  • Dare spazio a tutti coloro che hanno voglia e facoltà.
  • Fornire risposte per ogni segnalazione ricevuta.
  • Creare un buon portale di filosofia analitica.
  • Sostenere le iniziative dell’associazione culturale Azione Filosofica. 

Il Nostro ideale è quello di proporre una libera diffusione di materiali scelti e di fornire un punto di contatto tra persone interessate alla discussione delle proprie idee e opinioni, in piena libertà e in linea con la responsabilità che ogni intervento richiede. Il nostro Ideale impone tale responsabilità, ed è sostenuta nella convinzione che Conoscenza e Democrazia debbano passare anche attraverso portali liberi da Istituzioni e da qualunque barriera che non favorisca il libero accesso ai contenuti della Ragione.

Perché collaborare? Perché sì!

Vai a vedere come!

Vuoi vedere un video di presentazione?

Logo

Leggere i Nobel alla letteratura – J.M.G. Le Clézio

Un retaggio degli sciagurati studi tecnici della mia formazione scolastica è certamente la statistica.

In realtà, il tentativo di avvicinarmi al vero, attraverso numeri e percentuali, non può essere considerato del tutto in discordanza con un’attività riflessiva estremamente fervida. Anzi, proprio la vivacità della mente è la naturale conseguenza di tutta la formazione umanistica e filantropica che è successa a quella scolastica.

Esiste un campo nel quale la matematica, la scienza dei numeri, si prefigge dall’inizio alla fine l’obiettivo di risalire la verità. Qua non c’è sorte che interferisce nella ricerca e nel risultato, il calcolo domina su ogni altra componente. Se poi alla scienza si affianca la fantasia, allora si ha a che fare con una materia eccelsa, difficilmente declassificabile. Parlo degli scacchi, attività che non poteva non entrare nella mia vita.

– Un’equazione non significa niente per me a meno che non esprima un pensiero di Dio –

Srinivasa Ramanujan

Una dimora fenomenologica senza la prominenza dell’idealismo

Secondo Emmanuel Levinas, la casa è la condizione di base tramite cui qualsiasi uomo può attivarsi. Così si conoscerà a livello intellettuale, ci si manterrà in vita, si prenderanno le decisioni pratiche ecc… Tutti gli uomini esistono nel loro mondo dal momento che si trovano in quello. Ma va precisata la fenomenologia del caso[1]. L’uomo si situa nel suo ambiente di vita nella misura in cui ha qualcosa. Martin Heidegger sostiene che ognuno di noi è essenzialmente “gettato”, al momento di nascere. Tale trovarsi per Emmanuel Levinas esprime pure (nel contempo) l’uomo ad una “proprietà”… in se stesso. Dunque subentra la percezione d’un dimorare? Più precisamente, ogni persona è tale siccome si fa “gettare” nel proprio mondo… “partendo da se stessa”. In altre parole, alla nascita noi già stiamo “avendo”. E’ un’occasione ove s’esprime la “proprietà… di sé”, grazie al possesso dell’intimità. Allora Emmanuel Levinas apre al simbolismo. Se l’uomo è tale nella misura in cui “parte”… da se stesso, ne deriva che egli va “dimorando”. Si respinge il soggettivismo dell’idealismo. Anzi, la coscienza di qualcuno si dà solo nella misura in cui essa può “dimorare”… sul proprio mondo di vita.

Robin Libert & Guy Rapaille | Belgian Intelligence and Counterintelligence | Intelligence & Interview N.31 | Giangiuseppe Pili

Approved by the Author & https://upload.wikimedia.org/wikipedia/scn/6/67/Belgium_flag_large.png

Discover Intelligence & Interview and Subscribe to the Newsletter!


Intelligence & Interview has one mission but several goals. One of them is to expand the culture of different national intelligence experiences within the Intelligence Studies framework, which is the international scientific standard and community. Coupled with it, the translation in Italian will reinforce the international ties for the Italian readership. We are doing our best to include as many different nationalities and perspectives as possible. First, the (international) Intelligence Studies are still focused more on the Anglosphere intelligence experience than anything else. But only in Europe, we have so many different approaches to intelligence (in practice) and to intelligence studies (in theory) that we cannot and should not be satisfied with the status quo. As I consider myself much more oriented in international intelligence studies than on the national research (though along with my colleague – Fabrizio Minniti – we already published a paper on Italian intelligence), I strongly believe and advocate for a more integrated and broad discussion on intelligence. Then, for this reason, we already explored several intelligence perspectives (in order of publication: Zimbabwe & Africa, Italy, France, Greece, the Netherlands). However, we hosted scholars from many other countries to bring their knowledge and experience (USA, Canada, UK…). With this aim in mind, it is my pleasure to publish this Interview with two outstanding experts, very experienced professionals, Robin Libert and Guy Rapaille. This is the first “double” Intelligence & Interview, which makes me particularly happy with it. I want to thank Mr. Davide Madeddu for his early translation from French. I want also to thank Giacomo Carrus for his work on the English version of this interview. Without further ados, it is then with my distinct pleasure to publish the Interview on Scuola Filosofica – for those who don’t know it yet; it is one of the leading cultural blogs in Italy. In the name of Scuola Filosofica Team, our readers, and myself, Giangiuseppe Pili, Robin and Guy: thank you!


#1 Mr Robin Libert and Mr Guy Rapaille, let’s start from the basics. How would you like to present yourself to the International readers and Philosophical School (Scuola Filosofica)?

@Robin LIBERT: [RL]

  • Historian,
  • ‘Modernist’(16th-18th Century), mainly Austrian Netherlands (18th C).
  • Intelligence analyst, from Analyst to Director of Analysis (Sûreté de l’Etat, VSSE)
  • Today: Councilor general, ‘Academic outreach & Partnerships’ (VSSE)
  • President RUSRA-KUIAD, Royal Union of Intelligence and Action Services (WWII)
  • Board Member BISC, Belgian Intelligence Studies Centre
  • Great-nephew of two Intelligence and Action Agents (WWII)
  • Author of articles
  • Co-editor of several books and the series “BISC – Cahiers d’Etudes du Renseignement”
  • Curator of expositions on Belgian intelligence history
  • Assisted in the realization of several TV documentaries on historical cases.

@Guy Rapaille: [GR]

– Honorary Attorney General at the Liege Court of Appeal.

– Honorary President of the Permanent Control Committee of the Intelligence Services (“Permanent Committee R”).

– Member of the board of the BISC (Honorary President).

– Former scientific collaborator at the University of Liège.

– Chairman of the board of directors of the information and notification center on harmful sectarian organizations.

Lucie Kadlecová | Cyber Security in Europe and Beyond | Intelligence & Interview N.30 | Roman Kolodii

Approved by the Author

Discover Intelligence & Interview and Subscribe to the Newsletter!


In the modern digital era, the importance of cybersecurity cannot be stressed enough. As recent developments have shown, the security of personal data and trade secrets, the protection of critical information infrastructure, even the integrity of democratic processes as such all depend on the smooth functioning of cybersecurity mechanisms. This especially holds true in the current Covid-19 reality, where increased digital consumption and massive readjustments of ways of life and work through cyber-technologies all multiply the possibilities for major digital assets to be compromised. In popular imagination, however, cybersecurity is still closely connected to the technicalities of the field, the so-called hard cybersecurity, while the soft – i.e. legal, political, socioeconomic, cultural, and ethical – dimensions of it remain yet understudied. To narrow this gap, we have invited to our interview series Lucie Kadlecová, an expert in cybersecurity policy and governance. She is a PhD candidate at Institute of International Studies, Charles University (Czechia) and a senior associate in strategy and threat intelligence for Estonian cybersecurity company CybExer Technologies. Both Czechia and Estonia are well-known hubs of cyber-technological expertise, so Lucie Kadlecová’s experience in academia and industry in both countries can help highlight the key trends in this field from the insider’s perspective. In our interview, we discuss cyber security strategy of the EU, the role of non-state actors and public-private partnerships in cybersecurity governance, the importance of cyber hygiene and gender equality in the field, as well as the prospects for enhanced cooperation between industry and academia in tackling cybersecurity challenges worldwide. On behalf of the Scuola Filosofica Team, our readers, and myself, Roman Kolodii, Lucie: thank you!


#1 Lucie Kadlecová,[1] how would you like to present yourself to the international readers of Scuola Filosofica?

I suppose I could be described as either a professional with an academic background or as an academic with professional experience, depending on the reader’s point of view. By nature, I am more of a professional who likes hands-on experience. That’s why I am deeply grateful for my previous experience working as a trainee for international organizations such as NATO, and helping to build the then-quickly growing Czech National Cyber Security Centre years ago. At the same time, however, I could see a gap between practice and academia in the “soft topics” of cyber security such as international relations and international law in the Czech Republic as well as around Europe. This feeling encouraged me to pursue my PhD, and to start teaching and publishing about these topics in order to contribute to closing this gap. At the same time, academic experience from King’s College London, Charles University in Prague, and Massachusetts Institute of Technology, as well as other interactions in the academic world shaped my way of thinking about cyber security and its “soft” aspects.

Svitlana Andrushchenko | Discovering the Geopolitics of Energy | Intelligence & Interview N.29 | Roman Kolodii

Approved by the Author

Discover Intelligence & Interview and Subscribe to the Newsletter!


Traditional energy resources like oil and gas have long played an essential role in international politics. Nowadays, however, there is a global trend which motivates countries to gradually replace their traditional energy production and consumption with renewables. This raises a question: how would geopolitical ambitions of states affect the harnessing of renewable energy and vice versa? To discuss this topic, I have invited Dr Svitlana Andruschenko, an expert in energy and geopolitics based in Ukraine. She is an associate professor at Taras Shevchenko National University of Kyiv and an invited lecturer on geopolitics and geostrategy at Chu Hai College of Higher Education (Hong Kong). Ukraine has been closely associated abroad with the recent Russian aggression since 2014, but its history can say a lot about the challenges of energy security as well. It was in Ukraine’s Chernobyl where the largest nuclear disaster in history occurred in 1986. Ukraine had also owned the world’s third nuclear stockpile before renouncing it in the mid-1990s. Finally, Ukraine has had a long history of conflicts with Russia over gas transit through Ukraine to Europe. This all makes the Ukrainian case study particularly relevant. In this interview with Dr Svitlana Andrushchenko, we will discuss Russia’s energy exports, the Chernobyl heritage in Ukraine’s energy policies, security implications of renewable energy, as well as energy diplomacy as such. On behalf of Scuola Filosofica Team, our readers, and myself, Roman Kolodii, Svitlana: thank you!

L’oggetto emerso sui 3/4 del negativo – Le fotografie di Franco Vimercati


Iscritivi alla Newsletter & Leggi anche Lo strike sul tappeto dell’astrattismo


(courtesy to rivista Kritika, che in origine aveva pubblicato questo articolo)

A Venezia, presso il Palazzo Fortuny, è stata ospitata dal 1 Settembre al 19 Novembre la mostra personale dal titolo Tutte le cose emergono dal nulla, con le fotografie di Franco Vimercati. Sempre egli inquadra certi oggetti, d’uso quotidiano. Riconosciamo soprattutto i vasi, le caffettiere, i calici, le sveglie. La mostra di Venezia è stata curata da John Eskenazi ed Elio Grazioli.

Leggere i Nobel alla letteratura – Camilo José Cela

Iscriviti alla Newsletter & leggi anche: Leggere i Nobel alla letteratura: Gabriel García Márquez


Non tutte le stelle del firmamento appaiono all’occhio dell’osservatore uguali.

Nello sfondo scuro della notte se ne possono vedere di tremolanti e di fisse, di rossicce, giallognole, bianche e di azzurrine. Alcune sembrano partecipare perfettamente ad un disegno, ma è un inganno, perché è la proiezione che arriva a chi sta con il naso all’insù a farle apparire sapientemente integrate in una costellazione. Alcuni pensano che si muovano, ma quel moto è talmente lento da essere irrilevante. Si potrebbe pensare che talune brillino meno di talaltre, ma si cade nell’ennesimo imbroglio di questi corpi celesti, poiché quella che pare brillare meno, in realtà, è solo più distante, e il suo scintillio è sempre proprio, come un piccolo sole, non è mai uno scintillio riflesso.

Capire l’individuo premoderno del mondo moderno – Dove stava Nietzsche?

Di Gustav-Adolf Schultze (d. 1897) – Nietzsche by Walter Kaufmann, Princeton Paperbacks, Fourth Edition. ISBN 0-691-01983-5, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=95963

Introduzione

In una recente conversazione siamo finiti a parlare dei movimenti di estrema destra attivi in Italia nel XX secolo. Essi erano costituiti da una compagine relativamente eterogenea di persone sparse in diverse organizzazioni più o meno ufficiali. La conversazione verteva sulla mia personale difficoltà a comprendere la natura concettuale e politica di questi movimenti e persone.

[Segnalazione] La conversione di un uomo moderno – Pavel Florenskij e il sentiero dell’esperienza religiosa


La conversione di Pavel Florenskij è stato il momento decisivo che ha fatto da spartiacque nella sua vita. Al tempo stesso, essa fu un giudizio decisivo sul modello di razionalità che ha dominato in Occidente lungo l’intera epoca moderna. Messa infatti a tacere la millenaria esperienza religiosa, le promesse del razionalismo hanno infine lasciato l’uomo disilluso e in balìa dei suoi dubbi, vittima di un tragico sdoppiamento esistenziale. Il coraggio di riattivare l’esperienza pregna di meraviglia che ha segnato la sua infanzia, la decisione di incamminarsi nuovamente sul sentiero dell’esperienza religiosa, porterà invece Florenskij a esiti tanto inaspettati quanto ricchi. Un nuovo modo di esercitare la ragione nella sua rinnovata poliedricità, la novità di una conoscenza del reale capace di non censurare nulla e, infine, il riannodarsi di antichi fili che legano la nostra esperienza al vissuto di ogni homo religiosus sono allora gli stupendi frutti della visione del mondo florenskijana. Oltre l’opportunità di una crescita personale, riflettere su questo complesso percorso offre anche l’occasione, lungo tutto il libro, di far “dialogare” Florenskij con altri grandi pensatori come Guardini, Eliade o Pareyson, lasciando emergere come la sua sia indubbiamente una delle voci più sorprendenti del panorama culturale del Novecento. Prefazione di Lubomir Zak.