Press "Enter" to skip to content

Tag: Versioni dell’intuizionismo razionalista

Intuizionismo razionalista

  1. Le nozioni morali sono termini semplici.
  2. Il riconoscimento della virtù è anteriore a qualunque legge.
  3. L’obbligo di rispettare le regole morali nasce dalla ragione.
  4. Le virtù morali sono di diversi generi. Ci sono:
    1. Virtù morali verso sé.
    2. Virtù morali verso gli altri.
    3. Virtù morali verso Dio.
  5. Le qualità morali sono di diversi generi. Sono:
    1. Grazia.
    2. Giustizia.
    3. Veracità.
    4. Gratitudine.
  6. In caso di conflitto di norme morali si deve procedere nella disamina del singolo caso.

L’intuizionismo razionalista nacque in risposta alle tesi volontariste secondo cui la morale non sia anteriore alle leggi ma successiva. In poche parole, l’etica si fonda e si sostanzia sull’ordinamento giuridico vigente che richiede, come unica base, una volontà legislatrice che sia anche in grado di far rispettare le leggi che essa stessa pone. D’altra parte, le obiezioni forti al volontarismo sono due ed entrambe piuttosto incisive: se gli attributi morali (bene, giustizia etc.) sono definiti posteriormente alla legge e se la legge distingue ciò che è bene da ciò che è male, allora le leggi non sono né buone né cattive e così pure la volontà che le determina. La seconda è che non si può pensare ad un ordinamento più giusto essendo l’ordinamento stesso definito dalla legge.