Press "Enter" to skip to content

Scacchiera didattica per istruttori e giocatori!

20150907_141611

Iscriviti alla Newsletter!

Consigliamo Un mistero in Bianco e Nero – Filosofia degli scacchi!


Ispirato dal recente articolo di Laura Baire sulla didattica, vorrei illustrarvi un metodo che consente di lavorare proficuamente sulla scacchiera. L’idea mi venne molti anni fa, quando avevo l’abitudine di scrivere appunti direttamente sulle scacchiere disegnate dei libri di scacchi. Avevo pensato anche ad un metodo per poter replicare la tecnica sulle scacchiere normali, ma il problema era rappresentato dal pericolo di rovinarle. Alla fine mi venne l’idea giusta ma, come talvolta succede, non ho mai trovato l’occasione di attuarla.

Al bellissimo corso di istruttori del 2013 ho avuto modo di conoscere Sebastiano Paulesu (su cui la bella intervista del CM Gian Luca Cirina), una delle personalità più brillanti della didattica negli scacchi italiani. Lui ci ha mostrato alcune sue tecniche, tra cui la sua scacchiera e rudimenti del suo metodo ideografico, assolutamente da conoscere e divulgare, perché potrebbe consentire quel salto di qualità indispensabile per far decollare finalmente gli scacchi nelle scuole e nei circoli, ancora troppo legati ad un insegnamento rigido e tradizionale. Colgo qui l’occasione di segnalare almeno altri due maestri della didattica da seguire: Carlo Alberto Cavazzoni e Lucio Rosario Ragonese, entrambi dotati di una fervida immaginazione e capacità di trasmettere contenuti mediante forme innovative, ancora non sufficientemente applicate in modo pervasivo, come dovrebbero essere. Voglio anche segnalare, qui, l’importante lavoro che Giuseppe Sgrò sta attualmente svolgendo per l’insegnamento degli scacchi nelle scuole.

Ad ogni modo fu quindi proprio al corso istruttori, tenuta a Marrubbiu nel 2013, che osservai la potenza didattica di scrivere direttamente sulla scacchiera e fui confermato nell’idea che mi era venuta in mente molto tempo addietro. Lo stesso Sebastiano aveva dato alcuni suggerimenti per lavorare in tal senso.

Da qualche giorno ho avuto modo di istruire un giovane amico piuttosto dotato, Paolo C., con il quale abbiamo messo a punto il semplice stratagemma. Prima di tutto occorre dotarsi di un foglio di plastica trasparente. E’ più che sufficiente il foglio in plastica per rivestire le copertine dei libri. Bisogna soltanto stare attenti alle misure, che non devono essere inferiori a quelle della scacchiera. In secondo luogo bisogna apporre il foglio sulla scacchiera. 20150907_140047Consiglio di fissarlo con del nastro adesivo, ma in realtà il foglio rimane sufficientemente rigido da non porre problemi comunque. Inoltre, sempre mia opinione, è bene non tagliare il foglio in modo che la superficie sia perfettamente equivalente a quella della scacchiera perché è molto utile poter lavorare anche al di fuori di essa: prendere appunti e fare schemi direttamente a portata di mano, senza richiedere nuovi fogli, penne e matite consente di risparmiare molto tempo.

Il terzo passaggio consiste semplicemente nel posizionare i pezzi e utilizzare i pennarelli da lavagna per scrivere. Per cancellare i risultati è sufficiente usare un fazzoletto o un pezzo di Scottex. 20150907_140258Il risultato è che ora potete lavorare direttamente sulla scacchiera, scrivendoci sopra quello che volete. Questo strumento è utile sia per i principianti che per gli studenti più avanzati e consente di poter salvare i vostri diagrammi: basta togliere il foglio con il diagramma interessante e scrivervi sopra la posizione dei pezzi, quindi fotografate il foglio e il gioco è fatto! Il tutto per un costo di 5 euro circa! 20150907_140329


20150907_140814

Vi scrivo una tabella con l’algoritmo per costruirvi la vostra lavagna scacchistica interattiva! Sia detto, comunque, che per usare lavagne didattiche è consigliabile munirsi di strumenti più sofisticati, come quelli usati da Sebastiano (vedi qui  e qui). Sui metodi usati da Sebastiano consiglio la visione di questo bel video. In fine, desidero ringraziare la 1N Samuele Carta per aver personalmente plaudito alla sola vista del sistema da me adottato ed è per questo che ho deciso di scrivere questo breve articolo, nella speranza che si possa continuare tutti insieme la strada del miglioramento didattico degli scacchi.

Materiali Procedura
Foglio di plastica trasparente Stendere il foglio di plastica sulla scacchiera
2/3 pennarelli per lavagna Posizionare i pezzi
Fazzoletto/Cancellino Scrivere sul foglio di plastica

Ora anche il video sottotitolato in inglese!


Giangiuseppe Pili

Giangiuseppe Pili è Ph.D. in filosofia e scienze della mente (2017). E' stato assistant professor ed è il fondatore di Scuola Filosofica, coordinatore dell'associazione Azione Filosofica ed è il responsabile della collana dei libri di Scuola Filosofica. Egli è autore di numerosi saggi e di diversi articoli in riviste internazionali. In lingua italiana ha pubblicato numerosi lavori e libri. Scacchista per passione. ---- ENGLISH PRESENTATION ------------------------------------------------- Giangiuseppe Pili - PhD philosophy and sciences of the mind (2017). He is a former assistant professor in intelligence studies and he is the founder of Scuola Filosofica (Philosophical School) and the Co-Founder of the philosophical association Azione Filosofica (Philosophical Action). He is the editor in chief of the collective series of books based on the blog (Le Due Torri - Publisher). He is a prolific author nationally and internationally. He is a passionate chess player and (back in the days!) movie maker.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *