Press "Enter" to skip to content

Commedia dell’arte

Iscriviti alla Newsletter!

Consigliamo – Carlo Goldoni


Inquadramento

Periodo: 1600-1700.

Temi: Gusto dell’avventuroso, improvvisazioni su canovacci, maschere.

Scheda

La commedia dell’arte è il raccordo tra la commedia rinascimentale la cui forma è debitrice della commedia classica plautina. Il nome “commedia dell’arte” è dovuto agli attori che la inscenavano: questi erano attori professionisti e si specializzavano nella rappresentazione di un particolare carattere, strutturato su una “maschera”, la quale era un particolare personaggio dotato di particolari peculiarità caratteriali specifiche. Gli attori, salvo alcuni, recitavano vestiti in modo peculiare, col volto coperto dalla loro maschera. Ogni maschera aveva una serie di qualità morali del tutto specifiche, che lo spettatore era capace di intuire immediatamente vedendola. In questo senso, la commedia dell’arte sarebbe una struttura scenica e scritturale decisamente rigida , se non fosse che ogni attore aveva un certo margine di libertà per improvvisare. Tuttavia, l’improvvisazione si fondava su trame già stabilite in precedenza, i canovacci: i canovacci dovevano avere una posizione fondamentale in quanto non erano le analisi o costruzioni psicologiche a determinare il principale divertimento, ma le situazioni inscenate dallo sviluppo degli eventi. Nella commedia dell’arte confluivano varie influenze: in primo luogo era presente un richiamo alla cultura arcaica e pagana, come suggerisce la maschera di Arlecchino. Ma c’è pure il gusto per i movimenti acrobatici e per la cultura popolare. In fine, si aggiunge anche un certo gusto per lo spirito avventuroso. Il pubblico di riferimento era quello della piazza dei paesi in cui gli attori girovaghi andavano ad inscenare la loro rappresentazione, così che un film come La strada mostra con una buona approssimazione come doveva svolgersi l’attività degli attori raminghi. Fellini, non a caso, riprende concettualmente le tematiche popolari della commedia dell’arte, con il suo amore per la semplicità popolana, per le maschere e per gli acrobati, tutti elementi che, sebbene si fondano su elementi reiteranti e strutturalmente fissi, lasciano u buon margine per le capacità puramente improvvisatorie dei vari artisti.


Bibliografia

Casadei A., Santagata M., (2007), Manuale di letteratura italiana medioevale e moderna, Laterza, Roma-Bari.

Dizionario Critico della Letteratura Italiana, UTET, Torino, Voll. 1.

Dizionario Garzanti della Letteratura, Garzanti, Milano.


Giangiuseppe Pili

Giangiuseppe Pili è Ph.D. in filosofia e scienze della mente (2017). E' stato assistant professor ed è il fondatore di Scuola Filosofica, coordinatore dell'associazione Azione Filosofica ed è il responsabile della collana dei libri di Scuola Filosofica. Egli è autore di numerosi saggi e di diversi articoli in riviste internazionali. In lingua italiana ha pubblicato numerosi lavori e libri. Scacchista per passione. ---- ENGLISH PRESENTATION ------------------------------------------------- Giangiuseppe Pili - PhD philosophy and sciences of the mind (2017). He is a former assistant professor in intelligence studies and he is the founder of Scuola Filosofica (Philosophical School) and the Co-Founder of the philosophical association Azione Filosofica (Philosophical Action). He is the editor in chief of the collective series of books based on the blog (Le Due Torri - Publisher). He is a prolific author nationally and internationally. He is a passionate chess player and (back in the days!) movie maker.

Be First to Comment

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *