Press "Enter" to skip to content

Tempo fuori di sesto – Philip Dick

 

Scopri i libri della collana o i servizi editoriali di Scuola Filosofica!

Iscriviti alla Newsletter!

Consigliamo – La svastica sul sole dello stesso autore e Scrivere di Filosofia di Chiara Cozzi


Ragle Gumm è un uomo sulla quarantina, senza lavoro e a casa della sorella Margo e del cognato Vic. Egli aiuta economicamente la sua piccola famiglia risolvendo dei problemi matematici del più importante quotidiano della nazione. La vita di un paese degli Stati Uniti si svolge sempre uguale. Lentamente Ragle incomincia a sentire che qualcosa non torna: dietro quella realtà così normale, si cela un mistero inquietante nel quale egli gioca un ruolo fondamentale. Un uomo può davvero credere di essere al centro dell’universo senza essere un pazzo?

Philip Dick tratta un problema attuale, inquietante e profondo: le connessioni tra la realtà e le proprie rappresentazioni di essa, dove inizia l’una e dove finisce l’altra. Pagina dopo pagina Dick stravolge lo spazio e il tempo, arrivando a deformare sempre più vorticosamente la percezione della realtà, facendola trapassare su un livello più vero e, al contempo, più allucinato. La maestria che gli è propria, gli consente di non far perdere il lettore dietro la confusione stessa del protagonista nel quale, in modo sempre più coinvolgente, si finisce per identificarsi. Questo processo di proiezione e lo straniamento portato dalla “distruzione” delle coordinate della realtà, portano il lettore a vivere in un mondo allucinato dove, l’ultima verità, invece di sciogliere il dramma psicologico, l’infittisce.

Siamo abituati a vivere processi di questo tipo grazie ai Mass media, che ci propongono i fatti e le percezioni subliminali, istintive e soggettive in un modo così mescolato da rendere la realtà un incubo ad occhi aperti. Il romanzo “Tempo fuor di sesto” ci conduce verso questo universo dove oggetto e soggetto si fondono. Il che risulta ancor più straordinario se si pensa che Dick visse in un periodo meno condizionato dall’informazione di quanto lo sia oggi, tenuto conto di internet e delle nuove miracolose tecnologie che disperdono la realtà attraverso infinite rappresentazioni parziali di essa.

La conclusione non sarà forse la più originale del panorama dei romanzi dickiani, ma è senza dubbio la più terribile. Il percorso del protagonista è andare verso il futuro riscoprendo le proprie reali origini attraverso la soluzione di un mistero che poteva apparire senza senso.


Philip K. Dick.

Tempo fuori di sesto.

Fanucci.


Giangiuseppe Pili

Giangiuseppe Pili è Ph.D. in filosofia e scienze della mente (2017). E' stato assistant professor ed è il fondatore di Scuola Filosofica, coordinatore dell'associazione Azione Filosofica ed è il responsabile della collana dei libri di Scuola Filosofica. Egli è autore di numerosi saggi e di diversi articoli in riviste internazionali. In lingua italiana ha pubblicato numerosi lavori e libri. Scacchista per passione. ---- ENGLISH PRESENTATION ------------------------------------------------- Giangiuseppe Pili - PhD philosophy and sciences of the mind (2017). He is a former assistant professor in intelligence studies and he is the founder of Scuola Filosofica (Philosophical School) and the Co-Founder of the philosophical association Azione Filosofica (Philosophical Action). He is the editor in chief of the collective series of books based on the blog (Le Due Torri - Publisher). He is a prolific author nationally and internationally. He is a passionate chess player and (back in the days!) movie maker.

Be First to Comment

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *