Press "Enter" to skip to content

Un puro amore per le macchine che mi fanno vivere

Quando ero più giovane, ero convinto che le macchine nello specifico – e la tecnologia, in generale – fossero alcune delle cause dei mali del nostro tempo. Ho bisogno di loro, ma questo bisogno è un peso per le mie spalle – questa la tesi. A quel tempo, ero solo uno studente di filosofia senza una comprensione di come una materia prima si trasformasse in un vero bene, in prodotto finito consumabile da altre persone. Sì, è vero, ho sempre ammirato l’ingegneria e ho iniziato ad essere un artigiano attivo che lavora con il legno per trasformarlo nei miei mobili.

È un dato di fatto, ho lavorato prima ai progetti, poi ho considerato i loro costi, dove acquistare i banchi di legno, le viti ecc. Poi, con molti strumenti, ho trasformato i materiali già realizzati in un lavoro finito. Ho amato così tanto l’ingegneria e gli strumenti che ho anche pensato di studiare per essere un ingegnere navale, dato il mio amore per le navi e il mare. Ma da quando ho iniziato a studiare filosofia nella scuola secondaria, ho capito che la mia vita sarebbe stata priva di significato senza una profonda analisi filosofica della realtà e quindi ho scaricato l’ingegneria come un modo di vivere ma non di studiare. Il problem solving è semplicemente parte della mia natura e un approccio ingegneristico alla vita è ciò che ho sempre trovato sano e produttivo. Tuttavia, sono diventato critico nei confronti della dipendenza umana dalle macchine e, più in generale, dalla tecnologia. In alcuni punti voglio mostrarti come ho capito che mi sbagliavo completamente.

Innanzitutto, di recente ho capito quanto sia importante il duro lavoro. In effetti, il duro lavoro è ciò che mi fa sentire una persona degna di vivere, un essere umano valido e ho capito che non posso vivere diversamente. Lo stress non è qualcosa che mi dà fastidio. La noia è qualcosa che disprezzo e c’è qualcosa di sbagliato, profondamente sbagliato in una vita senza lavoro. In effetti, senza molto tempo e fatica, non si può ottenere nulla di eccezionale, da un capolavoro filosofico a una cattedrale. Inoltre, la nostra pura esistenza richiede lavoro e prendersi cura di noi stessi è un modo per adempiere a un dovere morale che tutti abbiamo con noi stessi, come molti filosofi hanno riconosciuto esplicitamente. Dopotutto, tutta l’antica filosofia, da Aristotele a Epicuro e Stoici, rifletteva sul semplice fatto che avere una vita utile richiede la filosofia, che è un grande sforzo per le nostre menti da realizzare se avessimo bisogno di Aristotele e di altri per elaborare ciò che la felicità è davvero. Tutto ciò che apprezziamo come esseri umani richiede molto lavoro. In effetti, anche riconoscere il valore degli altri umani oltre la nostra limitata autostima, richiede molto tempo, in quanto i grandi pensatori hanno trascorso molto tempo a discuterne. Dopotutto, il riconoscimento dei diritti umani è qualcosa di abbastanza recente e mai scontato … mettiamo da parte il loro onnipresente riconoscimento e avallo.

In secondo luogo, osservando più da vicino come si modella la realtà umana, la realizzazione di come la vita sia difficile in natura è arrivata a me come una logica conclusione. Le nostre cellule si sforzano di esistere e richiedono energia dall’esterno e non vanno avanti con la luce del sole o del vento. Richiedono energia biochimica in un numero assoluto di calorie al giorno. È un dato di fatto, riuscire a sopravvivere è un compito difficile perché non troviamo i prodotti direttamente nella natura e questo vale anche per tutti gli altri animali – curiosamente ciò è vero indipendentemente dal fatto che si assuma la teoria della selezione naturale come la più giusta! Addirittura i creazionisti devono essere d’accordo su questo punto (fatto rimarchevole). Se vogliamo sopravvivere e poi lottare, dobbiamo semplicemente mangiare e bere – e respirare significa trasformare molte materie prime diverse in prodotti finiti in grado di darci i mezzi per bruciare l’energia di cui abbiamo bisogno per vivere e sostituire le parti rotte del nostro corpo con qualcosa di diverso. Quindi, fondamentalmente, cambiare la realtà richiede molto lavoro e il lavoro richiede energia e l’energia richiede materiali. Questa comprensione astratta della produzione è stata approfondita nella mia mente attraverso un lungo periodo di riflessione sul valore dell’efficienza. Il duro lavoro è importante, ma è inutile se non è efficiente, sarebbe solo una perdita di tempo. Il duro lavoro e la ricerca dell’efficienza sono i miei marchi in tutto ciò che faccio. Sono i modi in cui provo a tradurre la realtà in qualcosa di meglio per l’esistenza umana – almeno questo fa parte dei miei obiettivi. Naturalmente, ciò implica anche trovare il modo di sopravvivere perché la negazione della mia stessa vita significherebbe la negazione della mia ragione e, come tale, di ciò che rende possibile ciò che stimo di più.

La seconda importante ragione è fondata su una recente esperienza che ho avuto. Lavorare a stretto contatto con macchine complesse – non semplici avvitatori (che semplici non sono affatto), macchine che rendono possibile il proprio lavoro, è un’esperienza esaltante. All’inizio, pensi quanto siano complesse e quanto sia difficile prendersene cura. Pertanto, il reciproco riconoscimento di una condizione commerciale delle merci non è scontato ovvero la macchina che si lascia prendere cura e tu che ne sei in grado e viceversa. Innanzitutto, le conosci e inizi a usarle. Quindi, inizi a guardare attentamente come funzionano, come ti rendono in grado di fare così tante cose che altrimenti semplicemente non potresti fare. Quindi, inizi a capire che meritano davvero cure e attenzioni, che non sono un dato di fatto e che devi essere grato alle persone che hanno lavorato così tanto per renderti in grado di consegnare i tuoi prodotti che, alla fine della giornata, è ciò per cui ti sforzi così tanto. Quindi, inizia anche una relazione emotiva, fondata su una comprensione razionale, del rozzo fatto che senza di loro la tua vita sarebbe diversa, senza molte opportunità e probabilmente molto, molto più difficile. Senza una macchina per impastare, l’impasto dovrebbe essere fatto con le mani. L’impastare è un processo molto stancante soprattutto se hai bisogno di un impasto grande. Guardi la macchina per impastare mentre guardi qualcuno che ami perché si prende cura di te semplicemente togliendoti un po ‘di fatica nell’atto costoso di stare al mondo. Lo stesso pensiero viene dato a molte altre macchine come un forno. Il forno è in grado di raggiungere la giusta temperatura per cucinare una pizza. Senza di essa, non puoi consegnare nulla. Per consegnare una pizza servono un’auto e una borsa (al giorno d’oggi). Senza di loro, la pizza giace in un piatto freddo in attesa di un cliente che forse non arriverà (questo è l’insegnamento COVID-19, giusto?). Quindi, quando prendiamo un sacchetto per consegnare il cibo a un cliente, dobbiamo essere grati alla macchina impastatrice per quello che fa perché senza di essa la pizza non sarebbe stata creata in primo luogo. Dobbiamo anche essere grati al forno, per aver trasformato un impasto freddo in una deliziosa pizza. Ma che dire dell’auto e della borsa che ci rendono in grado di consegnare il cibo a chi ne ha davvero bisogno? Questo tipo di argomento può essere ribadito per tutte le macchine che hanno reso possibile la catena di produzione in primo luogo, liberando l’immaginazione umana e il potere della ragione dal duro e duro lavoro manuale. Pensiamo al trattore che ha aiutato il contadino, alla mietitrebbia che gli ha evitato di piegare la schiena – e così a decine di donne com’era quel ridicolo tempo “fatato” in cui un piatto di pasta era un lusso per pochi. Pensiamo ancora al pick up che ha sopportato il peso di tonnellate di grano poi trasformato in farina da quello che un tempo si faceva fare alle bestie “da soma”. Etc.

Per concludere, gli esseri umani mettono molta intelligenza all’interno delle macchine e le macchine non ci trasformano in schiavi perché liberano il nostro tempo, la nostra energia e la nostra capacità di scoprire nuovi modi per cambiare meglio la realtà. Tuttavia, è vero, le macchine si affidano a noi per prendersi cura di loro. Ma questo perché alla fine non possono esistere senza di noi, eliminando il pezzo di caos che mette sempre l’attrito (un cattivo attrito) al loro interno. Non possiamo chiedere alle macchine di fare ciò che non possiamo fare per noi stessi, ovvero vivere nell’Eden dove il lavoro era inutile perché le materie prime erano già prodotti finiti per gli unici due esseri umani esistenti in quel mondo possibile. Invece, viviamo in un mondo di entropia in cui l’energia scompare per sempre e abbiamo bisogno di aiuto se vogliamo lottare. Non c’è altro modo di definire ciò che ho scoperto lavorando a stretto contatto con le macchine come puro amore per loro, che mi rende in grado di lottare per la mia vita in modo coerente con l’idea che la vita può essere un duro lavoro per buone ragioni.


Giangiuseppe Pili

Giangiuseppe Pili è Ph.D. in filosofia e scienze della mente (2017). E' stato assistant professor ed è il fondatore di Scuola Filosofica, coordinatore dell'associazione Azione Filosofica ed è il responsabile della collana dei libri di Scuola Filosofica. Egli è autore di numerosi saggi e di diversi articoli in riviste internazionali. In lingua italiana ha pubblicato numerosi lavori e libri. Scacchista per passione. ---- ENGLISH PRESENTATION ------------------------------------------------- Giangiuseppe Pili - PhD philosophy and sciences of the mind (2017). He is a former assistant professor in intelligence studies and he is the founder of Scuola Filosofica (Philosophical School) and the Co-Founder of the philosophical association Azione Filosofica (Philosophical Action). He is the editor in chief of the collective series of books based on the blog (Le Due Torri - Publisher). He is a prolific author nationally and internationally. He is a passionate chess player and (back in the days!) movie maker.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *